Privacy Policy
Annunci

Abbronzatura: vero e falso.

Per quanto riguarda il tema ‘abbronzatura‘ se ne sentono dire tante… oggi voglio svelarti cosa è vero e cosa falso al riguardo!

 

– CON LA PROTEZIONE ALTA NON TI ABBRONZI: FALSO.

In realtà, se utilizzi  la protezione alta l’abbronzatura dura più a lungo ma richiede solo più tempo; tempo fondamentale per la pelle che deve rispondere adeguatamente al sole.
La pigmentazione infatti avviene in due modi e tempi diversi:
1)Immediata e temporanea: inizia subito e dura 24/36 ore. Questa colorazione è dovuta all’ossidazione della melanina già presente nelle cellule e non ha funzione protettiva;
2) Effettiva e duratura: avviene 48 ore dopo la prima esposizione, tempo necessario per produrre nuova melanina. È indotta dai raggi UVA e UVB, è di lunga durata e ha funzione protettiva.

 

 

– IL FATTORE DI PROTEZIONE INDICA QUANTE VOLTE È POSSIBILE MOLTIPLICARE IL TEMPO TRASCORSO AL SOLE PRIMA CHE LA TUA PELLE SI SCOTTI: VERO.
Un prodotto solare protettivo consente quindi di prolungare questo tempo, ma ciò non significa che ti puoi esporre quanto vuoi. Ricorda non esiste una protezione totale e perenne.

 

 

-PIÙ TEMPO SI STA AL SOLE, PIÙ CI SI ABBRONZA: FALSO.
La produzione di melanina ha un limite legato alla quantità e alla qualità che ciascuna persona fisiologicamente può produrre (fototipo). Oltre questo limite, le difese della pelle si esauriscono. Un’esposizione ulteriore comporta rischi e danni a breve e a lungo termine.

 

 

-SE PRIMA DELL’ ESPOSIZIONE HO APPLICATO UN AUTOABBRONZANTE NON SONO PROTETTA: VERO.
Il colore che la pelle assume con un autoabbronzante non è dovuto alla produzione di melanina e quindi non protegge dagli effetti nocivi del sole. La pelle risulta semplicemente “colorata” da una reazione chimica; per questo motivo i protettivi solari vanno usati ugualmente, anche se ti vedi “scura”.

 

 

– NON HO BISOGNO DI PROTEZIONE SOTTO L’ OMBRELLONE O SE IL CIELO È COPERTO: FALSO.


Più del 90% dei raggi UV penetrano anche attraverso le nubi dense. Inoltre, la sabbia riverbera fino al 45% dei raggi UV e l’effetto “lente” riflettente è di circa il 30% sull’erba e del 10% sull’acqua.
La protezione non deve quindi mai mancare!

 

 LO SCRUB ELIMINA L’ABBRONZATURA: FALSO.

L’esposizione al sole, comporta l’ispessimento dello strato corneo che è una naturale difesa della pelle alle radiazioni UV. Ecco perché la pelle tende ad apparire più rugosa e dura, e spesso compaiono brufoli indesiderati. Uno scrub viso e corpo alla settimana, anche nei periodi nei quali ci si espone, è essenziale per mantenere la cute morbida ed elastica e favorire un’abbronzatura uniforme.

 

Se vuoi continuare a ricevere consigli e trucchi sulla cura della pelle puoi scrivere a info@topskin.it.Tutto in maniera assolutamente GRATUITA!

 

Marcella Gervasi

 

centro-estetico-top-line-rende-cosenza-abbronzatura

 

Annunci

Rispondi

Ciao,
siamo qui per rispondere alle tue domande.
Powered by
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: